Recensione dell’opera “Io”. Diario di un cane al guinzaglio. Autore: edivaD74 – profilo Wattpad

Riuscirò mai a capire cosa mi spinge ad odiare il mondo che mi circonda con tanta violenza da distruggere anche me stesso?[…] Spiegatemi che cosa è la realtà

Questa è la muta domanda che risuona in ogni parte del libro, un tormento che spinge l’autore a interrogare se stesso e il mondo. “Io”. Diario di un cane al guinzaglio è una raccolta di poesie; un viaggio lungo un anno tra i sentimenti di un uomo oppresso da un senso di inadeguatezza verso l’esistenza, che non si sente a proprio agio in un mondo che porta solo sofferenze.
Le poesie seguono schemi metrici completamente diversi e questo aiuta il lettore a mantenere vivo l’interesse in ogni parte. La lettura è lenta, fluida, consapevole, ma a tratti anche rabbiosa e urlante. Con l’inizio di ogni verso l’autore ci fa soffermare, grazie alle variazioni di metrica, su parole sempre nuove che vanno assaporate, soppesate nella mente per comprenderne la pienezza e il significato.

Uno squarcio si è aperto tra la nostra dimensione e un mondo svuotato della sua esistenza

Ciò che si percepisce è un’esistenza in qualche modo costretta nel moto perpetuo dei giorni, un’esistenza intrappolata nel fondamento stesso della vita.
Una lettura affascinante.

Una finestra sull’anima di un uomo che contorce i propri pensieri sperando di arrivare a una soluzione. Una critica verso una società che sembra non avere sentimenti, ma come solo scopo l’autodistruzione.
Una raccolta di pensieri che sono il fondamento di un essere umano, la base stessa verso cui espandere il proprio essere.

 

Buona Lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *