Recensioni

Stoner – John Williams

Tom Hanks lo ha definito come “una delle cose più affascinanti che vi capiterà mai di leggere” e devo essere sincera che effettivamente è un libro semplicemente affascinante.

Avevo iniziato a leggerlo tempo fa, ma arrivata a pagina 40 avevo chiuso con un movimento repentino e perentorio il libro con l’intento di non riaprirlo per un bel po’. L’avevo trovato lento e difficile, sbadigliavo tra una riga e l’altra, insomma, non era il momento giusto per immergermi in quella storia. Passai quindi ad altre letture. Dopotutto ogni storia, per essere letta, ha bisogno del giusto mood; c’è bisogno della giusta predisposizione per ogni libro e i diversi stili si adattano ai diversi momenti della vita.

A sostegno del vecchio adagio “la prima impressione non è quella che conta”, ho ricominciato la lettura di Stoner presa dalla voglia di qualcosa di semplice, lineare. Sapevo che in quelle pagine l’avrei trovato.

La storia è incentrata sulla vita di William Stoner e il percorso che lo porterà a diventare professore presso l’università della Columbia, ma soprattutto sulla sua quotidianità. L’aspetto incredibilmente affascinante di questa storia, quello che tiene incollati alle pagine dall’inizio alla fine, è infatti la semplicità, la naturalezza, con cui la vita di quest’uomo è descritta. Gli avvenimenti si susseguono come un tranquillo incedere nel parco vicino casa.

La graduale scoperta di se stesso, i dissidi interiori, le dinamiche familiari, l’amore e l’abbandono; l’affermazione professionale e le delusioni lavorative; i silenzi, i rancori, le frustrazioni; la guerra e la rinascita… Tutto questo insieme di disarmanti verità che realmente compongono la vita delle persone, John Williams ce le fa trovare lì, in quelle righe, con una naturalezza senza tempo.

Buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *