Recensioni

Un libro, un’emozione: Il Ciclo di Avalon

Il Ciclo di Avalon è composto da una serie di racconti fantasy, a opera di Marion Zimmer Bradley, ambientati in un’epoca di divisioni e scontri tra le tradizioni celtiche e gli usi degli antichi Romani. Per questo articolo della rubrica “Un libro, un’emozione”, ho scelto di guidarvi attraverso le emozioni delle storie di Avalon.

Lo so, non si giudica un libro dalla copertina, però… diciamoci la verità: anche l’occhio, in fondo, vuole la sua parte. Almeno, il mio sicuramente; quindi trovare già degli elementi in copertina che richiamano la cultura celtica, a mio avviso rende assolutamente irresistibile un libro. Trovo le tradizioni celtiche, infatti, incredibilmente affascinanti: piene di quella magia basata sulla sacralità dei propri pensieri, delle proprie azioni e del rispetto per la Natura; quella magia che, alla fine, fa parte di tutti.

Il contatto con la Madre Terra e la divinità del femminile

Personalmente, ho letto due libri di questa serie di racconti: Le nebbie di Avalon e La casa della foresta. Inutile dire che per molti aspetti li ho trovati incredibilmente travolgenti. Ma, più di tutto, sono le emozioni che mi interessano di questi volumi pieni di tesori. Le prime tematiche che a mio avviso spiccano, stagliandosi nettamente in alto rispetto alle altre, sono il contatto con la Madre Terra e la divinità del femminile. Questi due elementi s’intrecciano costantemente all’interno delle pagine donando emozioni profonde; i personaggi infatti sono spesso immersi in un contatto totalizzante con la Natura e le tradizioni, tutto ciò regala al lettore un salto nel tempo.

Leggendo queste pagine, quindi, si ha la sensazione di esserci in quelle foreste, di sentire il profumo delle erbe medicamentose e l’importanza di ogni stagione, ma anche di affrontare battaglie, percorrere tetri corridoi di castelli in pietra, partecipare a festività pagane e banchettare alla luce di un falò. Tutto ciò dona la sensazione di trovarsi di fronte a un qualcosa di atavico, di profondo, un qualcosa che è stato, ma che ancora fa parte della storia.

Il Ciclo di Avalon: Emozioni tra le pagine

All’interno di questi due libri del Ciclo di Avalon, si percepisce l’importanza della terra e dell’energia, in un contesto che non sfocia nell’assurdo, ma guarda direttamente dentro al cuore degli esseri umani. Una terra quindi che nutre, che avvolge, che ingloba e che guarisce. Una Natura alla quale apparteniamo, anche se cerchiamo di allontanarci dai nostri ritmi vitali giorno dopo giorno.

La sacralità del femminile emerge dai personaggi stessi; i protagonisti, infatti, sono per lo più donne che, attraverso il connubio con la Natura, diventano custodi di un segreto, non divino ma terreno, talmente vivo e intrinseco da dover essere difeso. Sono donne di tutte le età, da cui emerge un’ulteriore conoscenza: le diverse fasi della vita corrispondono ad altrettante consapevolezze, guadagnate con il tempo e l’esperienza.

Il tutto avvolto da trame ben articolate e personaggi intriganti, non vedo l’ora di leggere il prossimo!

Buona lettura!

Potete trovare altri consigli di lettura sul mio canale YouTube a questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *